I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità.
Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie

"La Ranocchi cresce e non cediamo quote"

Il gruppo NTS-Ranocchi, con un parco clienti di 11.000 aziende e 6.500 professionisti, 212 dipendenti e 23 milioni di fatturato nel corso del 2019, è a una svolta. Perché l'azienda, che ha il cuore a Pesaro e due basi operative a Senigallia e Rimini, sta traghettando il suo futuro dopo la morte per coronavirus del suo fondatore Giovanni Ranocchi. Una specie di pioniere del settore perché era tra i fondatori del gruppo TeamSystem e poi ha ricominciato tutto di nuovo, costituendo, a partire dal 2002, il gruppo Ranocchi.

«Noi stiamo proseguendo il suo mandato e la sua opera e soprattutto andiamo avanti con il suo disegno e il suo progetto di sviluppo. [...] Quest'anno pensiamo di poter chiudere con una crescita del fatturato intorno al 5%, nonostante tutti i problemi che si sono avuti in questi mesi», dice Stefano Carloni, 48 anni, anima commerciale dell'azienda e da pochi giorni anche amministratore delegato della NTS Informatica di Rimini, che sviluppa software per le aziende. Stefano Carloni è stato per anni il braccio destro del fondatore e ha anche sposato la figlia, Giovanna Ranocchi, che ricopre il ruolo di presidente della Ranocchi Software. Tutto questo in un mercato ancora tutt'altro che saturo, dove l'evoluzione è ancora rapidissima, la rapidità d'azione e la capacità di cogliere le opportunità sono fattori chiave della crescita e del successo.

Il gruppo Ranocchi quindi non lascia ma, se possibile, raddoppia: «non è nostra intenzione cedere quote della società perché non è nei nostri progetti [...]. Il nostro progetto, che è lo stesso iniziato da Giovanni Ranocchi, è di cercare di portare le società del gruppo tutte sotto un'unica bandiera, quella Ranocchi».

Leggi l'articolo completo dal Resto del Carlino del 23 giugno 2020

Richiedi informazioni

 

20200623 restodelcarlino ranocchi ntsinformatica

Stampa